venerdì 22 novembre 2013

Parte 361, 1 Ottobre 2013


Il manoscritto di sopravvivenza – Parte 361, 1 Ottobre 2013


Quasi tutti voi siete ormai abituati a essere investiti da queste onde di energie sconvolgenti, e fortunatamente, siete anche riusciti a capire la natura benevola di questi che appaiono come sbarramenti. Sappiamo molto bene che per molti di voi, questi sbarramenti in sé non sono piacevoli, perché sembrano fare male quando entrano in contatto con il vostro corpo. In realtà il disagio che possono causare non sarà mai superiore ai benefici che questi messaggi di luce portano con se, e di conseguenza, ci rendiamo conto che molti di voi hanno ormai accettato tranquillamente queste onde.

Ciò che veramente si propongono, oltre a gettare il vostro corpo in uno stato di stravolgimento, più o meno costante, è ricablare il vostro intero organismo in un modo in cui nessuno ha visto prima. Sappiamo che avete già avuto un ampio numero di messaggi contenenti informazioni come questa in precedenza, ma vorremmo soffermarci un po’ su questo argomento. Come abbiamo già avuto modo di dire, il vostro corpo fisico è a dir poco un miracolo e, in quanto tale, il valore aggiunto che state raccogliendo si andrà ad aggiungere a questo magico corpo in tanti modi. 

Come ben sapete, non sarà molto visibile a un osservatore esterno, ma per voi, comincerà a riunirsi in un modo nuovo, e inizierete veramente a gioire del risultato di tutte queste intense fatiche. E sì, è stato molto doloroso per molti di voi e, come spesso accade, il dolore maschera in realtà gli effetti positivi che questi lamenti e gemiti stanno provocando. Vi abbiamo già chiesto a tutti di osservare accuratamente voi stessi e vediamo che avete già avuto modo di notare qualcuno di questi risultati.

E cioè, potreste aver avuto giusto un cenno, ma anche se questo ha lasciato un segno indelebile su di voi, è stato veramente un piccolo esempio della potenza che questo vostro gracile corpo umano sembrerebbe contenere ora. Quel contenitore di pelle e ossa ora ospita un elenco infinito di ciò che chiameremo “tratti ultraterreni” e che cosa intendiamo con ciò? Be, lasciateci dire che le limitazioni che prima erano presenti nel vostro essere non ci sono più, e anche se vi servirà un po’ di tempo per iniziare veramente ad esplorare queste zone che sono state finora considerate come inesplorabili, o,  per essere più precisi, forse sarebbe meglio dire inesistenti, vi diciamo che è giunto il momento di tentare di fare i primi passi in quegli spazi bianchi della mappa, quali erano, e iniziare ad esplorare il vostro nuovo Se. Poiché siete veramente nuovi, in ogni modo che possiate immaginare.

Perché guardate, non sono ornamenti superficiali, questi sono veramente cambiamenti estremamente difficili da raggiungere e da compiere che vi eleveranno e vi porteranno oltre quella piccola scatola racchiusa nel termine “homo sapiens”. Probabilmente dovreste darvi un nuovo nome, poiché in molti sensi, siete una nuovissima specie che sta mettendo piede in questo terreno sacro, questo pianeta che così tanti di voi chiamano Madre. Quale potrebbe essere un nome più azzeccato? Bene, lasciateci suggerire “homo libertus”, quello liberato, quello illimitato, colui che avanza per portare il suo nuovo mondo in un futuro completamente nuovo.

E ricordate, non siete soltanto voi a diventare nuovi, è anche quel vostro meraviglioso pianeta, che sta volando con una nuova bandiera. Non è più la stanca Madre, lei è di fatto la vincitrice, quella che si è alzata sulle ginocchia e che ha cominciato a riprendere tanta delle sua forza. Lasciateci quindi chiamarla Vittoria per ora, e poi, vedremo come vorrà chiamare se stessa. Cosa c’è in un nome se non un segno, una firma, una vibrazione di qualcosa che è veramente completamente nuovo, anche se è antico come tutti i tempi. 

Perché venite tutti dalle stesse sementi, siete i frutti dello stesso ventre, quell’UNO che ha fatto nascere tutto, e quindi non siete che un’appendice di un immenso corpo di luce, ma anche se siete stati abituati a essere insignificanti granelli di sabbia, ora state iniziando a splendere con la stessa luce delle stelle nel cielo. E ora che siete invitati ad andare avanti e a varcare la soglia per entrare in quei luoghi dove le porte sono state aperte per voi, potete soltanto dire che la vostra luce comincerà ad aumentare esponenzialmente. Per ora, le barriere sono veramente crollate, e vi invitiamo tutti ad avventurarvi con coraggio in un nuovo territorio. Avete acquisito il più che meritato diritto di pretendere questo territorio come vostro, e vi chiediamo quindi di non arretrare, ma di andare avanti con occhi ben aperti così da non perdere nessuna delle avventure che vi attendono.

Canalizzato da Aisha North

Nessun commento:

Posta un commento

E.T. contact meditation

Sirius